Ricerca corsi

Collaborare sulla Soglia: i Servizi per persone con disabilità e il lavoro con le famiglie. La relazione sulla Soglia dei Servizi e strumenti di collaborazione.

  • Codice
  • DEASS IE
  • Presentazione
  • Le strutture e i servizi rivolti a persone con disabilità sono nati numerosi anni fa in un contesto molto differente dall’attuale. Nel tempo esse si sono evolute e specializzate, parallelamente ai cambiamenti sociali e al modo di intendere e affrontare la disabilità, così come è mutata la percezione del ruolo delle famiglie. Questo ha fatto sì che i servizi siano mutati sia dal punto di vista culturale, sociale e dei linguaggi, sia da una prospettiva scientifica e delle conoscenze, rendendo sempre più professionale il lavoro, che oggi richiede lo sviluppo di professionalità con competenze specifiche e una cultura aperta ai concetti dell’inclusione sociale, della partecipazione e della qualità di vita. In questo panorama, risulta essere centrale il rapporto tra servizi e famiglie e su quali possono essere le metodologie e gli strumenti efficaci per una reale possibilità di collaborazione tra famiglie di persone con disabilità e servizi.
  • Descrizione
  • Il corso intende proporre un’ipotesi di lavoro che consideri le famiglie parte fondamentale del processo di presa in carico dei percorsi educativi e riabilitativi, a partire dall’assunto che lo spazio in cui ora avvengono in maniera poco considerata e codificata le relazioni e gli scambi tra familiari e operatori, sia nella realtà uno spazio di lavoro molto prezioso, uno spazio - che si può definire la soglia - che per sviluppare i suoi potenziali richiede strumenti e competenze propri.
  • Obiettivi
  • Il corso intende analizzare quale ruolo e funzioni assume il rapporto tra famiglie-operatori-servizi in un’ottica inclusiva e partecipativa e mettere a punto le possibili strategie metodologiche per promuovere la reciproca collaborazione. Gli obiettivi specifici del corso sono i seguenti: - approfondire gli sfondi culturali e le prospettive teorico-concettuali entro cui oggi viene collocata la condizione della disabilità, con le relative ricadute sul piano delle istituzioni, dei servizi e dei ruoli professionali - approfondire insieme agli operatori la riflessione sul significato e l’importanza di individuare modi specifici per lavorare con le famiglie sulla soglia dei servizi, con la finalità di negoziare i significati degli interventi; - favorire un proficuo confronto tra esperienze, pratiche di lavoro e strumenti differenti adottati nei diversi servizi; - considerare le prassi operative e gli strumenti in uso nei servizi, con la finalità di costruire alcuni orientamenti utili per immaginare nuovi dispositivi o nuovi utilizzi di quelli esistenti
  • Destinatari
  • Il corso è rivolto a operatori di tutte le professionalità che lavorino in servizi per persone con disabilità interessati ad approfondire il tema del rapporto con le famiglie.
  • Requisiti
  • Nessuno in particolare
  • Certificato
  • Attestato di frequenza o, previo superamento esame finale, attestato di frequenza con il riconoscimento dei relativi crediti di studio ECTS, accreditabili all’interno dei seguenti percorsi formativi: - Specializzazioni in Pedagogia sociale - Specializzazioni in Servizio sociale - CAS Il Responsabile pratico: ruolo e strumenti dell’accompagnamento formativo
  • Crediti di studio
  • 2 ECTS
  • Contenuti
  • - Direttive LISPI e concetto quadro degli Istituti - La qualità di vita e la prospettiva inclusiva - Partecipazione e progettazione dialogica - Il ruolo e le competenze delle famiglie - La relazione e la collaborazione tra operatori e famiglie - Metodi e strumenti collaborativi - Etnografia e osservazione - Metodi narrativi
  • Programma
  • Il corso si svilupperà attorno al tema del rapporto tra servizi e famiglie, proponendo spunti teorici e metodologici; saranno messi al centro il significato che assume la relazione tra operatori e famigliari alla luce di un’ipotesi inclusiva dei servizi e gli strumenti utilizzati o che si potrebbero utilizzare per favorire una reciproca collaborazione efficace. Tra il 2° e il 3° incontro i partecipanti svolgeranno alcune brevi osservazioni sul campo nell’ambito dei propri servizi. Le osservazioni saranno successivamente riprese e analizzate per individuare possibili percorsi per la costruzione di strumenti utili per il lavoro di collaborazione tra servizi e famiglie.
  • Durata
  • 32 ore-lezione
  • Responsabile/i
  • Angelo Nuzzo, docente SUPSI DEASS Lavoro sociale
  • Relatore/i
  • Lorenzo Fronte, sociologo, consulente formatore a orientamento psicosociologico Angelo Nuzzo, docente SUPSI DEASS Lavoro sociale, consulente e formatore Donatella Oggier-Fusi, docente SUPSI DEASS Lavoro sociale, consulente e formatrice
  • Iscrizione ai corsi
  • entro il 12 ottobre 2022
  • Date
  • 25 e 26 ottobre; 14 e 15 novembre 2022
  • Orari
  • 09.00-12.15, 13.30-16.45
  • Luogo
  • SUPSI, Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale, Stabile Suglio, Manno (Autopostale, fermata Suglio)
  • Costo
  • CHF 880.--, materiali didattici e tassa di certificazione inclusi
Maggiori informazioni