Ricerca corsi

La gestione e la trasformazione delle emozioni nella relazione di cura e di aiuto

  • Codice
  • DEASS IE.61
  • Presentazione
  • La crescente attenzione verso una società in evoluzione ha portato gradualmente al superamento del concetto di uomo come attore puramente razionale, insufficiente per interpretare l’agire sociale e all’accostamento al ruolo individuale di attore emozionale, dove emozioni e sfera affettiva concorrono al dispiegarsi della condotta socio-relazionale. L’attore emozionale non è tuttavia da contrapporsi a quello razionale bensì ne costituisce l’“altra faccia”, lo integra e lo rende completo. D’altronde, anche l’attore emozionale si muove all’interno di un sistema di regole che influenzano il modo di sentire le varie forme di espressione e di controllo delle emozioni; un contesto normativo, dunque, che funge da bacino di risorse e che plasma ed è plasmato dagli attori sociali. La fondamentale importanza della relazione nella costruzione di ogni processo dell’universo è ormai cosa nota: tutti gli eventi di un sistema occorrono a un altro sistema e l’interdipendenza relazionale è alla base di qualunque interazione. L’Intelligenza Emotiva è una delle abilità che sempre più viene richiesta nel mondo del lavoro. Imparare a riconoscere, gestire e trasformare le emozioni può aiutarci a migliorare la nostra comunicazione, le nostre competenze dialogiche e quindi a migliorare la condizione di Ben-Essere. Il lavoro sulle emozioni attraverso l'approccio dialogico integrato al coaching e alla mindfulness mira a mobilizzare le risorse psicologiche sia delle persone direttamente coinvolte sia dell'intera comunità e rete sociale di riferimento, aiutando ad affrontare problemi complessi e a permettere alle persone con diverse opinioni, di pensare e lavorare più efficacemente insieme.
  • Descrizione
  • Il corso attraverso un’alternanza di stimoli teorici ed esercitazioni pratiche individuali, a coppie e in piccoli gruppi, approfondisce gli approcci sviluppati da Goleman e da Martha Nussbaum. Prevede inoltre l'introduzione alla pratica dialogica di "TimeOut" e ad alcuni strumenti che facilitano la conversazione dialogica.
  • Obiettivi
  • - Promuovere e formare efficaci competenze nel riconoscere, gestire e trasformare le emozioni dei professionisti che lavorano nella relazione di cura e di aiuto, tenendo in considerazione i cambiamenti socio-culturali e la sempre più complessa integrazione dei diversi servizi del territorio. - Migliorare le competenze dialogiche degli operatori, le capacità progettuali, di facilitare, coordinare e guidare team.
  • Destinatari
  • Il corso è rivolto a educatori, operatori sociali e socio-sanitari, animatori, docenti e formatori che desiderano e vogliono operare consapevolmente come facilitatori, esperti di cambiamento e trasformazione nelle organizzazioni, nell’ambito dei servizi alla persona.
  • Requisiti
  • Nessuno in particolare.
  • Certificato
  • Attestato di frequenza o, previo superamento esame finale, Attestato di frequenza con il riconoscimento di 2 crediti di studio ECTS, accreditabili all’interno dei seguenti percorsi formativi: Specializzazioni in Pedagogia sociale, Specializzazioni in Servizio sociale, CAS Il Responsabile pratico: ruolo e strumenti dell’accompagnamento formativo; CAS Approcci partecipativi nella promozione dello sviluppo del bambino
  • Crediti di studio
  • 2 ECTS
  • Programma
  • Il modello di Intelligenza Emotiva: Che cosa sono le emozioni? Psicofisiologia delle emozioni. Quali sono i domini dell’intelligenza emotiva. Sappiamo riconoscere le nostre emozioni? E quelle degli altri? Test di autovalutazione intelligenza emotiva Empatia – Exotopia - Resilienza. La gestione e la trasformazione delle emozioni: limiti, difficoltà, potenzialità. Il modello Emotional Balance. Il riconoscimento e la gestione dei diversi tipi di emozione nella relazione di cura e di aiuto: il dolore e la tristezza, la paura, la rabbia, il piacere, il disgusto, la sorpresa, la frustrazione, la vergogna e l’imbarazzo. La responsabilità emotiva: progettualità individuale e di gruppo.
  • Durata
  • 32 ore-lezione
  • Relatore/i
  • Marco Braghero, pedagogista e consulente di formazione. PhD ricercatore presso l’Università di Jyvaskyla (Finlandia) dipartimento di Psicologia. Executive Coach certificato ACTP – ICF. Docente Master in neuroscienze, mindfulness e pratiche contemplative, coordinatore scientifico e docente corso di perfezionamento in Pratiche dialogiche nelle organizzazioni complesse - Università di Pisa
  • Iscrizione ai corsi
  • Entro il 7 aprile 2022
  • Date
  • 12 e 13 maggio; 2 e 3 giugno 2022
  • Orari
  • 9.00-12.15, 13.30-16.45
  • Luogo
  • SUPSI, Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale, Manno (Autopostale, fermata Suglio)
  • Costo
  • CHF 760.--, materiali didattici e tassa di certificazione inclusi.
  • Informazioni
  • SUPSI, Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Stabile Suglio Via Cantonale 18, CH-6928 Manno T +41(0)58 666 61 24 F +41(0)58 666 61 21 cristina.poncioni@supsi.ch
Maggiori informazioni